Posted on

Il movimento più difficile? Mettersi in movimento

Si sente ripetere sempre più spesso: “per stare bene abbiamo bisogno di una regolare attività fisica”.
E’ vero! Ascensori, automobili, ed altri strumenti della civiltà moderna hanno modificato il nostro modo di vivere facendoci diventare sedentari con conseguenze tutt’altro che positive per la nostra salute

Un’attività fisica regolare però ci può aiutare nel dare origine a numerosi effetti benefici che contribuiranno alla prevenzione delle malattie da civilizzazione.
Il movimento, infatti, esercita un’azione positiva sul nostro metabolismo, favorisce infatti una migliore utilizzazione dei principi nutritivi, limita il deposito di tessuto adiposo migliorando la circolazione sanguigna e la capacità respiratoria.

Mentre ci muoviamo andremo a produrre le endorfine o molecole del benessere, sostanze con effetto calmante e antistress.
Non a caso, dopo un’attività fisica moderata avvertiamo una piacevole sensazione di rilassamento.

Vediamo allora qualche semplice suggerimento che ci possa assicurare un’adeguata dose di movimento.
Passeggiamo all’aria aperta o giriamo in bicicletta, quando la stagione lo consente, nuotiamo in piscina o eseguiamo qualche semplice esercizio yoga a corpo libero almeno 2/3 volte la settimana.
Prendiamo come buona abitudine quotidiana il fare le scale o il parcheggiare l’auto lontani dalla nostra meta.

Ma, tra tutte queste attività, poniamo l’attenzione sui grandi benefici che ci può dare una semplice camminata.
Camminare ci aiuta ad aprire la nostra mente, a schiarirci le idee e ad allontanare eventuali dolori.
Camminare è un gesto liberatorio dal punto di vista fisico e psicologico, svolge un’azione antidepressiva e anti ansia.

Le passeggiate dovrebbero svolgersi all’aria aperta piuttosto che in un centro commerciale, poiché il contatto con la natura ci stacca dalla frenesia e concorre a stabilire un contatto positivo con le nostre emozioni ed i nostri pensieri.
Avere l’abitudine di svolgere in modo regolare una qualsiasi attività fisica e unire a questa una sana alimentazione risulta essere un’ottima medicina.

 

autore: dott.sa Stefania Pietra