Posted on

Fenomeno Bio, siamo quello che mangiamo

Da alcuni anni questa parte si è sviluppato un vero e proprio FENOMENO BIOLOGICO nato dall’esigenza di riportare alla luce la coltivazione naturale e recuperare le nostre radici contadine.
Tale coltivazione ha origini nel mondo antico nel quale esisteva un sistema di produzione agro-alimentare basato su tecniche di rotazione colturale:
semina
raccolta
aratura a mano
Sistemi piuttosto rudimentali, ma proiettati al grande commercio e destinati ad affinare tecniche di produzione che verranno conservate fino al mondo moderno.

L’industrializzazione degli ultimi due secoli ha però trasformato tutto questo introducendo prodotti chimici-industriali e manipolazioni genetiche che hanno messo con le spalle al muro il prodotto naturale.

Oggi l’agricoltura biologica intende rifiutare tutto ciò e riportare alla luce l’agricoltura di tradizione.
Ed ecco il grandioso ritorno degli alimenti bio,  alimenti più nutrienti e dal gusto più intenso, alimenti non sempre con un aspetto esteriore al top, ma in grado di recare grandi benefici per l’organismo.

I cibi biologici intatti hanno maggiori concentrazioni di vitamine e sali minerali, stimolano il metabolismo e potenziano le difese immunitarie, aiutano il corpo ad eliminare le tossine in circolo, e fanno bene alla pelle rendendola più luminosa e colorita.

Facciamo un po’ di chiarezza rispondendo al alcune domande frequenti.
BIOLOGICO è da considerarsi dietetico?
Come possiamo riconoscere un prodotto BIO tra tanti?
E, perché scegliere BIO?
Errato è pensare che sia dietetico. Gli alimenti derivati da agricoltura biologica presentano le stesse calorie dei prodotti industriali, ma non contenendo prodotti chimici risultano essere più digeribili, più biodisponibili e favoriscono il drenaggio delle tossine.
Le tossine sono scorie accumulate nell’organismo, identificate come una delle principali cause dell’aumento di peso.
“Un buon drenaggio è la metà di una buona terapia…”,  è quanto affermava negli anni 50 il Dott. H.H. Reckeweg, padre dell’omotossicologia.

Quando facciamo la spesa ricordiamo due semplici caratteristiche che contraddistinguono il cibo biologico fra i tanti:
1- esso non verrà mai distribuito in contenitori di plastica o sintetici
2- la sua etichetta riporterà sempre le diciture da agricoltura/allevamento biologico e regime di controllo CEE.

Infine chi sceglie bio oltre al alimentarsi in maniera più genuina e sana contribuirà ad accrescere nella popolazione l’abitudine ad adottare uno stile sostenibile per se e per gli altri, nel rispetto del nostro pianeta.

 

autore: dott.sa Stefania Pietra