Posted on

Lievito alimentare, un grande alleato

Avete sentito parlare di super-food?
Di lievito alimentare?
Il  lievito alimentare in scaglie  è un alimento utilizzato principalmente nella  dieta vegetariana  e vegana come  integratore ed insaporitore,
ma adatto ad ogni altro stile alimentare.  Altro non è, che il  lievito di birra  essiccato e ridotto in scaglie o fiocchi.

Super food-perche?

A livello nutrizionale è un’ottima fonte di  vitamine del gruppo B  (soprattutto B1, B2, B6, B9 e B12), aminoacidi essenziali, fibre e  ferro.
Il suo consumo aiuta la  flora batterica intestinale, depura il fegato e ha effetti benefici su  pelle,  unghie  e  capelli.
È un condimento molto valido per chi segue la  dieta vegetariana  o vegana, ma è anche una buona alternativa per tutti coloro che non consumano latticini.

In questo lievito è presente anche il  selenio, antiossidante  utile per contrastare i radicali liberi e ritardare l’invecchiamento delle cellule.
Un ulteriore vantaggio è che nonostante sia molto saporito il lievito in scaglie è povero di sodio e di grassi.

Se si assume come integrazione, e dunque non solo per insaporire i cibi,  è consigliabile consumarlo crudo  in modo da poter godere appieno di tutte le proprietà.
Si può scegliere anche di utilizzarlo solo nei periodi in cui se ne sente di più il bisogno, ad esempio nei cambi di stagione se si ha la sensazione di essere un po’ giù di tono.

Il lievito alimentare è infatti un buon rimedio naturale per ridare energia a un corpo stanco.
È utile notare anche il contenuto di fibre del lievito alimentare in scaglie e la  presenza di beta glucani, un tipo di fibra con  effetti benefici sul sistema immunitario  e utile alla riduzione di colesterolo.
Tra gli effetti benefici di una cura a base di lievito di birra a scaglie il principale comunque è il  riequilibrio della flora batterica intestinale, con conseguente aiuto nel superamento dei disturbi da malassorbimento e di alcune malattie infiammatorie del colon.

I  valori nutrizionali  medi pe 100 g di prodotto sono:
– Calorie: 245 Kcal
– Carboidrati: 31 g
– Proteine: 27 g
– Grassi: 1 g
– Fibre: 24 g

Il lievito alimentare non ha particolari controindicazioni. Essendo comunque “parente” del lievito è bene non esagerare nel consumo, che può causare una reazione di  intolleranza ai lieviti. Inoltre, è sconsigliato per chi soffre di candidosi, poiché questi funghi si nutrono anche di lieviti.
Ricorda che il lievito alimentare non si può utilizzare per la preparazione di pane e dolci poiché si tratta di un lievito disattivato e quindi non affine alla fermentazione.

IN CUCINA
1)    Parmigiano veg con il lievito alimentare in scaglie potrete preparare la vostra  alternativa veg al Parmigiano,  adatta anche a chi è allergico o intollerante ai latticini.

2)    Condire la pasta. Il lievito alimentare in scaglie è perfetto come condimento per la pasta  e per arricchire di sapore le vostre salse.

3)    Arricchire le zuppe. Se volete rendere super saporite le vostre zuppe e vellutate, vi basterà  aggiungere nella pentola, in base alle quantità e ai vostri gusti,  uno o due cucchiaini di lievito alimentare in scaglie. Se volete evitare il dado, potete unire anche un pizzico di curry in polvere.

4)    Condire le insalate. Forse non ci avevate mai pensato, ma il lievito alimentare in scaglie è un ingrediente utile anche per  condire le insalate, magari abbinandolo a semi di girasole, semi di sesamo o semi di zucca. Potrete anche unire un pizzico di lievito alimentare in scaglie direttamente al condimento preparato amalgamando olio, aceto o succo di limone.

Una piccola ricetta per voi
INSALATA SORPRENDENTE
INGREDIENTI
1 cespo medio della vostra insalata verde preferita fatta a pezzetti (romana, gentile, lattuga….)
1 avocado (piccolo se siete un solo commensale)
1 cestino di fragole
tamari o salsa di soia
1 piccola arancia
lievito alimentare in fiocchi qb
sale

L’insalata va semplicemente lavata e spezzettata. Mettete il tutto in una capiente ciotola insieme all’avocado a cubetti, il succo dell’arancia, una manciatina di lievito in fiocchi e se volete un pizzico di sale integrale.
ora affettate le fragole e lasciatele insaporire per qualche minuto in una ciotolina con un cucchiaino circa di tamari.
Amalgamate il condimento e gustate!

autore: dott.sa Stefania Pietra

Salva

Salva

Posted on

Estrattori: preparatori dei nuovi elisir di lunga vita

Gli estrattori sono un elettrodomestico che sta vivendo oggi una diffusione davvero esponenziale, per molti aspetti si potrebbe dire che siano quasi diventati una moda.
A differenza delle centrifughe tradizionali, gli estrattori permettono di  estrarre il succo da frutta e verdura  a freddo, mantenendo così inalterate le  proprietà degli ingredienti utilizzati per la loro preparazione.

I succhi vegetali, in particolare, sono un vero e proprio elisir di salute.
Hanno proprietà disintossicanti, idratanti, depuratrici e rigeneranti.
Aiutano l’organismo ad espellere le scorie del metabolismo fornendo nel contempo un budget nutrito di vitamine, enzimi e sali minerali in una forma estremamente biodisponibile.

Proprio per questo motivo tutti i benefici appena elencati si materializzano in breve tempo eliminando stanchezza ed affaticamento attraverso un’azione tonica su tutto il nostro organismo.

Qualche consiglio utile per preparare ottimi centrifugati.
Scegliere frutta e verdura di stagione a km 0, lavarla con attenzione, non aggiungere acqua o zuccheri e riutilizzare gli scarti.
Miscelare in modo adeguato i nostri ingredienti in modo da equilibrare l’indice glicemico.

Il succo di produzione casalinga è un alimento piuttosto delicato e deperibile.
Il consiglio è: realizzate il succo fatto in casa fresco ogni volta che desiderate consumarlo.
Si tratta del metodo migliore per preservare gusto e proprietà nutritive. Però può essere anche conservato per qualche settimana, un mese o addirittura un anno a seconda del metodo scelto.
Basterà seguire semplici procedure che garantiranno una conservazione in tutta sicurezza.

Alcuni metodi sicuri?
Conservare in freezer, sfruttare il sottovuoto, e sterilizzare le bottiglie di vetro e i loro tappi mediante ebollizione, asciugarle, riempirle di succo e tapparle portare nuovamente a ebollizione per qualche minuto. Far raffreddare e riporre in dispensa.

UN’IDEA ARANCIONE ED UNA VERDE

ARANCIONE
Succo di carote, mango e arancia.
Un mix da sorseggiare prima di dedicarsi alla tintarella.
Gli ingredienti infatti rientrano tra i cibi abbronzanti.
Unite 4 carote, mezzo mango, mezza arancia, la scorza di mezzo limone.
Centrifugate e sorseggiate!

VERDE
Succo di verdure verdi.
Se avete problemi di ritenzione idrica unite nella centrifuga 5 foglie di spinaci, 1 cetriolo, 2 gambi di sedano, 4 foglie di lattuga romana, 1 mea verde, 1 limone, 2 foglie di basilico.
Centrifugate e sorseggiate!

E GLI SCARTI DIVENTANO UNA RISORSA
Lo scarto di estratti o centrifugati non va assolutamente buttato poiché rappresenta un meraviglioso ingrediente base per la preparazione di infinite ricette.
Ecco quindi un’idea per non buttare via nulla quando si prepara un estratto.

Polpettine vegetali.
(10 polpette circa)
ingredienti:
100 g di scarto di estratto di cavolo riccio, 1 gambo di sedano, mezzo finocchio, 1 cetriolo, 1 mela, 1 pizzico di zenzero.
Aggiungere 3 pomodori secchi, 125 g di fagioli cannellini lessati,evo, sale epangrattato q.b.
Aggiungere agli scarti dell’estrattore tutti gli ingredienti elencati. Impastare fino ad ottenere un impasto omogeneo e liscio.
Dare alle nostre polpette la forma desiderata e ricoprire con il pangrattato. Cuocere in forno preriscaldato a 90°cìC per 25 minuti

LA GUIDA DEI COLORI.
Dove troviamo i nutrienti che cerchiamo?
BIANCO: Il colore del potassio, contro la stanchezza. Lo troviamo nelle banane e nelle pere
GIALLO o ARANCIO: il colore della vitamina C e del beta-carotene. Amici della tintarella e delle difese immunitarie. Li troviamo in zucca, carote, pesche, albicocche, mango
ROSSO: il colore degli antociani, antiossidanti potenti, protettori delle cellule. Li troviamo nei pomodori
VERDE: il colore della luteina, amica degli occhi e del ferro. Li troviamo in spinaci, kiwi, lime, uva
VIOLA-BLU: sono colori degli antiossidanti che prevengono l’invecchiamento cellulare e contribuiscono al miglioramento della memoria. Li troviamo in barbabietole, melanzane

E allora scateniamoci con frutta e verdura 😉

autore: dott.sa Stefania Pietra

Posted on

La primavera a tavola _II parte

Superata la fase invernale le energie si mobilitano nuovamente e riprendono i processi di rinnovamento cellulare.
Per ritrovare la carica bisogna partire dalla dieta mangiando quegli alimenti in grado di fornire energia da utilizzare subito.
Dovremo alleggerire la dieta eliminando gli alimenti superflui, favorendo cotture brevi e semplici e saranno da evitare diete dimagranti che rischierebbero di affaticare il fegato.

I cibi primaverili sono freschi, ricchi di energia vitale e facilmente digeribili permettendo all’organismo di sviluppare pienamente i processi di risveglio del corpo.
Vediamo allora cosa possiamo trovare in un orto durante la primavera.

In primavera, orti e frutteti ci offrono:
_ Albicocche: ottime da consumare fresche ma anche essiccate e sciroppate, sono frutti ricchi di vitamine e oligoelementi.
L’albicocca ha un elevato contenuto di  betacarotene, utile alla produzione di  vitamina A, davvero preziosa per combattere i tipici mali di stagione: stanchezza, spossatezza e depressione.

_Ciliegie: le proprietà di questi deliziosi frutti sono davvero tante. Aiutano chi soffre di ipertensione e chi ha  problemi cardiaci, facilitano l’attività intestinale e la  diuresi  e pare siano persino  antidolorifici. Grandi  alleate della pelle, ne preservano la bellezza e stimolano l’abbronzatura. Perfette per ritrovare equilibrio ed energia per le loro proprietà disintossicanti.

_Fragole: deliziose da gustare in macedonia, con la panna o al naturale, sono fonte di  vitamina C  e hanno  effetti diuretici.
Le fragole aiutano a combattere i disturbi primaverili in quanto disintossicanti e depurative.
Da non sottovalutare l’effetto che hanno sull’umore  grazie alla stimolazione della  serotonina, un grande aiuto naturale in una stagione che può portare problemi di depressioni.

_Gli  asparagi: sono verdure primaverili dotate di un gusto particolare e raffinato. Oltre a vantare numerose proprietà benefiche (principalmente diuretiche e depurative),
sono molto ricercati come ingrediente principe di frittate, zuppe, creme e naturalmente paste e risotti. Grazie all’alto contenuto di potassio sono un alimento molto utile al cuore e ai muscoli.
Hanno effetti diuretici e sono ricchi di  vitamina A, manganese, fosforo e acido folico.

_Carciofo: grazie alla sua funzionalità epatica, sostiene concretamente il fegato nella sua funzione detossificante.

_Spinaci: ricchi di sostanze antiossidanti.

_Piselli: si tratta di legumi con proprietà intermedie, vicini alle verdure. Grazie a questa prossimità, i piselli facilitano le  funzioni intestinali  e sono adatti ad una dieta ipocalorica perché poveri di grassi.

_Aglio: prezioso alleato della salute per le numerose proprietà terapeutiche. Combatte ii problemi cardiocircolatori, riduce pressione arteriosa e colesterolo. Noto anche per l’azione contro le infezioni: svolge una funzione antibatterica sulle vie respiratorie, antifungina e antivirale.

_Lattuga: ricchissima d’acqua svolge un’azione rinfrescante, digestiva e rimineralizzante. Fonte preziosa di vitamine A e C e sali minerali quali potassio, fosforo e ferro.

Una piccola ricetta fresca e golosa
CREMA DI PRIMAVERA CON CROSTINI per 2 persone
350 g di piselli freschi,
2 patate,
1 cipolla,
3 foglie di menta,
125 g di yogurt magro,
Olio e sale q.b.,2 fette di pane integrale (da abbrustolire in forno)

Sbucciare le patate tagliarle a pezzetti e metterle in pentola.
Aggiungere 500 ml di acqua i piselli, la cipolla, olio e sale.
Portare a ebollizione e cuocere per 20 minuti.
Frullare il tutto e unire yogurt, menta, mescolare e servire con i crostini.

Salva

Salva

Salva

Salva

Posted on

Aprile dolce dormire_I parte

La primavera fa capolino, il sole entra nelle nostre case portando in tutti noi uno stato di benessere ed il desiderio di uscire, l’esposizione ai raggi solari stimola il rilascio di serotonina, il più potente antidepressivo prodotto dall’organismo e di melatonina, indispensabile regolatore del ritmo sonno veglia, oltre a stimolare il rilascio di endorfine.

I raggi solari attivano la vitamina D, utile per l’assorbimento di calcio nelle ossa e stimolano la secrezione degli ormoni sessuali, in particolar modo progesterone, estrogeni e testosterone.

Arriva anche l’ora legale che scombussola il nostro orologio biologico interno, il quale è ancora sincronizzato con le condizioni invernali e necessita del giusto tempo per trovare il nuovo equilibrio.
Molti di noi infatti percepiscono senso di stanchezza, difficoltà a sostenere i ritmi della giornata, apatia, difficoltà di concentrazione, mal di testa, problemi digestivi, insonnia, irritabilità e sbalzi di umore.

In primavera ci muoviamo di più e aumenta il nostro metabolismo basale grazie alla serotonina facendoci consumare più calorie.
Per aiutare il nostro organismo a fronteggiare tutto questo abbiamo bisogno di più nutrienti, nutrienti giusti.

Il primo passo sarà migliorare le abitudini a tavola.
Evitiamo le pietanze ipercaloriche e riduciamo il consumo di alimenti ricchi di grassi e zuccheri.
Cuciniamo piatti leggeri con cibi di stagione e colorati.

Iniziamo la giornata con i giusti nutrienti, cereali integrali, frutta fresca, frutta secca, yogurt e miele.
Facciamo un pranzo in cui la verdura di stagione ed i cereali non dovranno mai mancare.
Ceniamo presto con minestre ed un secondo proteico, consumiamo frutta di stagione come spuntino.

Respiriamo. La respirazione può essere di grande aiuto in tutte le fasi della vita in cui siamo in difficoltà o semplicemente stanchi.
L’ideale è fare delle respirazioni energizzanti attraverso le narici muovendo il torace controllando inspirazione 3 secondi e per l’espirazione 3,4, secondi.
Ripetere 3 volte per più volte al giorno. In questo modo si attiva il sistema nervoso simpatico che è rivitalizzante.

Beviamo molto. In primavera l’apporto di liquidi è particolarmente importante.
E’ raccomandabile bere quotidianamente 1,5 l di acqua oligominerale a temperatura ambiente.
Inoltre sono consigliabili infusi a base di foglie come il tè oppure infusi a base di fiori come il tiglio e succhi di frutta o centrifugati di frutta e verdura di stagione.

Dormiamo a lungo al fine di aiutare l’organismo a ripristinare le energie necessarie per i processi di rinnovamento.

autore: dott.sa Stefania Pietra

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Posted on

Il movimento più difficile? Mettersi in movimento

Si sente ripetere sempre più spesso: “per stare bene abbiamo bisogno di una regolare attività fisica”.
E’ vero! Ascensori, automobili, ed altri strumenti della civiltà moderna hanno modificato il nostro modo di vivere facendoci diventare sedentari con conseguenze tutt’altro che positive per la nostra salute

Un’attività fisica regolare però ci può aiutare nel dare origine a numerosi effetti benefici che contribuiranno alla prevenzione delle malattie da civilizzazione.
Il movimento, infatti, esercita un’azione positiva sul nostro metabolismo, favorisce infatti una migliore utilizzazione dei principi nutritivi, limita il deposito di tessuto adiposo migliorando la circolazione sanguigna e la capacità respiratoria.

Mentre ci muoviamo andremo a produrre le endorfine o molecole del benessere, sostanze con effetto calmante e antistress.
Non a caso, dopo un’attività fisica moderata avvertiamo una piacevole sensazione di rilassamento.

Vediamo allora qualche semplice suggerimento che ci possa assicurare un’adeguata dose di movimento.
Passeggiamo all’aria aperta o giriamo in bicicletta, quando la stagione lo consente, nuotiamo in piscina o eseguiamo qualche semplice esercizio yoga a corpo libero almeno 2/3 volte la settimana.
Prendiamo come buona abitudine quotidiana il fare le scale o il parcheggiare l’auto lontani dalla nostra meta.

Ma, tra tutte queste attività, poniamo l’attenzione sui grandi benefici che ci può dare una semplice camminata.
Camminare ci aiuta ad aprire la nostra mente, a schiarirci le idee e ad allontanare eventuali dolori.
Camminare è un gesto liberatorio dal punto di vista fisico e psicologico, svolge un’azione antidepressiva e anti ansia.

Le passeggiate dovrebbero svolgersi all’aria aperta piuttosto che in un centro commerciale, poiché il contatto con la natura ci stacca dalla frenesia e concorre a stabilire un contatto positivo con le nostre emozioni ed i nostri pensieri.
Avere l’abitudine di svolgere in modo regolare una qualsiasi attività fisica e unire a questa una sana alimentazione risulta essere un’ottima medicina.

 

autore: dott.sa Stefania Pietra